Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Da qui gli Etruschi... – Note di approfondimento storico

Capire il passato per vivere meglio il presente pensando al futuro

Chi siamo

Roma città etrusca, eccome!

Il materiale in questa pagina è redatto da Luciano Russo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I Re di Roma, quasi la metà Etruschi – Approfondimento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La prima età regia Latini e Sabini dominano (continua)

Tutto da discutere! (continua)

I difficili perché di Romolo e Remo

 

La prima età regia Latini e Sabini dominano

Tutto da discutere!

Una monumentale celebrazione a posteriori della grandezza di Roma

I difficili perché di Romolo e Remo

Le gettate basi della società romana

Una curiosità

L'ottavo re di Roma

 

Il primo (e il secondo) Re di Roma Romolo (e Tito Tazio)

Il terzo Re di Roma Numa Pompilio

Il quarto Re di Roma Tullo Ostilio

Il quinto Re di Roma Anco Marzio

Il sesto Re di Roma Tarquinio Prisco

Il settimo Re di Roma Servio Tullio

L'ottavo Re di Roma Tarquinio il Superbo

 

Pagina di origine

 

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

La prima età regia Latini e Sabini dominano (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tutto da discutere! (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I difficili perché di Romolo e Remo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Questi figli di Marte (!) - dio della "guerra" e della Vestale Rhea Silvia - la pura e la giusta, "costretta" ad infrangere il suo voto di castità, cioè a rompere i suoi "patti" e rinnegare le sue promesse - non sono delle figure messe lì a caso, ma per intessere già dall'inizio una solida apologia dei comportamenti, non sempre giusti e neppure dignitosi, della pragmatica Roma conquistatrice del mondo.

 

 

 

Doppia scena con il dio Marte e la Vestale Rhea Silvia, raffigurati a decorazione di un antico sarcofago romano, oggi esposto al Museo Laterano di Roma.

 

 

Abbandonati al Tevere, sfamati da una lupa, nascosti nella sua tana, protetti dall’ombra di un fico, adottati da un pastore, cresciuti in una capanna sul Palatino, fino al loro grande iniziale disputa:  uno scontro allegorico tra "natura" selvaggia e "cultura" civile.

 

Remo rappresenta l'impulsività e l'indisciplina del nomadismo pastorale, che mal sopporta leggi e segue la natura senza rispettare "il volere degli dei", Romolo è diametralmente l'opposto - si domanda e segue "il volere degli dei" (in pratica se ne fa una sua interpretazione spesso ad hoc!), detta leggi e riti che che richiedono "ordine" e disciplina, stabilisce confini e limiti: oggi diremmo se la canta e se la suona...

 

 

 

 

 

 

 

 

Una moneta con Marte, Rhea Silvia e, al centro, la lupa che allatta i loro gemelli: la moneta risale a Massenzio, cioè inizi IV sec. dC, e proviene dalla zecca centrale di Ostia, lì trasferita da Cartagine (Ticinum ed Aquileia hanno ormai solo emissioni limitate).