Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

La cultura siamo noi Noi la parola

La società siamo noi, noi la cultura e la nostra storia:  la cultura non ha comparti né livelli - o c'è o non c'è.

Proteggiamo la cultura popolare, madre di tutte le culture!

Il materiale originale in questa pagina è © Marcello Ramognino: la Redazione ringrazia l'autore per averne autorizzato la ripubblicazione e l'adattamento nel portale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Mio bel dizionario... addio!" di Marcello Ramognino 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[Algida Britannia, hai avuto la tua rivincita...]

[Turismanglicismi]

[Comunicazionanglicismi]

[Lavoranglicismi]

[Acquistanglicismi]

[Tempoliberanglicismi]

[Mio bel Dizionario della Lingua Italiana: addio!]

 

 

Marcello Ramognino Una presentazione

"In nome di quale democrazia?" 

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

 

In tempo per la commemorazione del 150° Anniversario dell'Unità d'Italia, il 15 marzo 2011 è nato il blog (!) StopItanglese.it , dedicato a chi ama la lingua italiana, a cura del linguista e critico letterario Massimo Arcangeli con la sua squadra presso la Facoltà di Lingue e letterature Straniere dell'Università di Cagliari insieme all'Agenzia di Traduzioni Agostini Associati e i suoi linguisti: il grande fenomeno rappresentato dall' "Itanglese" - lo smodato e spesso inutile uso di anglicismi - mostra la tendenza degli Italiani (uno dei popoli al mondo che meno parla altre lingue, Inglese compreso) ad abbandonare vocaboli del proprio idioma (la lingua più studiata al mondo per amore alla cultura) a favore di parole inglesi, solo per perché ritenute più "alla moda" - un blog da visitare per tutti coloro che al brunch preferiscono ancora lo "spuntino", rischiando sì di essere meno trendy, ma pienamente convinti che "Italiani si nasce, Itanglesi si diventa".

 

(Logo tratto dal blog)

 

 

[Algida Britannia, hai avuto la tua rivincita...]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[Turismanglicismi]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tutto è cominciato da una visita ad amici in Toscana.

Cercavamo una sistemazione per due notti e, allora, acceso il computer e andando su Internet, ho cominciato a cercare e ho trovato un ottimo B & B che sarebbe un Bed and Breakfast, cioè un affittacamere che, grazie alla denominazione inglese, è diventato un affittacamere insignito dell’Ordine della Giarrettiera.

 


Una volta, quando facevi una domanda a un ufficio pubblico, dovevi declinare le tue generalità, nome e cognome, figlio di... e di....
 

Se tu domandi qualche cosa al tuo computer, lui vuole sapere qual'è il tuo browser, se vuoi fare un download di un link, se vuoi aprire un file.

 


Poi, siccome bisogna tenersi in contatto con amici, parenti ed altri, ho visitato, per prima, la in-box della mia e-mail e, subito dopo, Facebook.

 

Proprio su quest’ultimo, nella bacheca delle foto ho trovato una bella immagine di mari lontani con la quale ho abbellito il mio desktop.

 

Grazie, poi, alla PayPal ho comperato i ticket per il viaggio e sullo screen mi è comparsa la ricevuta.

Clicca su Print e stampi!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[Comunicazionanglicismi]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Finita l’incombenza “organizzativa”, si parte per le consuete piccole incombenze quotidiane.

 

Innanzitutto compero i giornali, anche se buona parte delle news le ho già digerite con i canali televisivi a loro dedicate.
 

 

Come apri un giornale, ma anche se vedi la TV, ti viene voglia di suicidarti.
 

“Bisogna applicare la devolution e la spending review secondo una politica bipartisan, così dice il Premier dopo un summit con i leader dei Partiti.

 

Ne va della governance, del welfare e dello spread!
 

Questo disgraziatissimo spread è legato ai bond per via di una logica , a me oscura, di New Economy.


Confesso che in economia sono proprio una frana, ma mi piacerebbe che qualche top manager mi spiegasse come mantenere una golden share di fronte a un attacco di brokers o ad aprire una società off shore e, magari, con quali partner e con quale budget.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[Lavoranglicismi]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sul fronte del lavoro non va meglio.

 

Turnover e part-time per gli operai.
 

Il business, del resto, non è più quello di una volta e da un dossier dello staff del Marketing, come pure del Top Management aziendale, emergono dubbi sul futuro a meno che non piova dal cielo un partner russo, indiano o brasiliano.
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[Acquistanglicismi]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Letti i giornali, visto il telegiornale e pranzato, un po’ di relax, perché dire riposino, o pennichella, come dicono a Roma, non è proprio in, anzi direi decisamente out.
 

 

Nel pomeriggio si aspetta l’apertura dei negozi per un rinforzino al vestiario.
 

Niente di trascendentale: vorrei qualcosa casual.

Una T-shirt, un paio di pantaloni, un blazer e quella che io ancora chiamo "tuta da ginnastica".

Orrore!

Quel tipo di cose si chiama sportswear.

Faccio la figura dell’ignorante e la commessa mi fa indossare cose che, secondo lei, sono trendy.

L’anima dolce di mia moglie mi guarda con un sorrisetto sotto traccia.

Meglio qualcosa vintage.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[Tempoliberanglicismi]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Concluso lo shopping, si torna a casa e si guarda cosa si potrà vedere in TV.
 

 

In prime time, cercando nei network, c’è da sceglier tra un musical, una fiction, un quiz, un real tv o un reality.

 

A seguire delle news, che promettono uno scoop, oppure uno show d’antiquariato o un film horror.
 

 

Alla radio, c’è musica New Wave su un canale.

Su un altro sparano Pop Rock e Funk Rock.

 

 

Meglio un libro, ma l’ultimo best seller l’ho già letto e allora passo in rassegna i miei libri.

I libri sono fatti così, anche se li leggi 10 volte, ogni volta è come fosse la prima.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[Mio bel Dizionario della Lingua Italiana: addio!]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mi casca sott’occhi il mio vecchio ed amatissimo Dizionario della Lingua Italiana, il mitico Devoto-Oli, 1971, Le Monnier.
 

L’ho guardato a lungo, ne ho sfogliato qualche pagina e gli ho dato un bacio come si fa con le persone che ci stanno lasciando.

 

Sarà eutanasia?

L’ho buttato nel cesso.

Chiedo scusa,... nel water!