Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vai al sito Redazione e informazione

 

 

Vai al sito Cultura e società

 

Vai al sito Natura e ambiente

 

Vai al sito  Turismo e tempo libero

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

UnionTuscia™, l'Unione degli Imprenditori della Tuscia Romana™

La progettualità di UnionTuscia – Nel nostro piccolo possiamo fare grandi cose

Il materiale originale in questa pagina è © Luciano Russo: la Redazione ringrazia l'autore per averne autorizzato la riproduzione, la rielaborazione, l'adattamento e la pubblicazione nel portale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tuscia Valley Approfondimento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il boom dell'“incubazione” (continua)

Un fenomeno che nasce in America (continua)

Incubatori come "acceleratori" d'impresa

 

Il boom dell'“incubazione”
Un fenomeno che nasce in America
Un nuovo business a livello mondiale
Incubatori come "acceleratori" d'impresa"
Veri incubatori e non
Un programma di incubazione fa la differenza?
Storia e profili degli incubatori
I BIC Europei

 

 Pagina di origine

 

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

 

 

Il boom dell'“incubazione” (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Un fenomeno che nasce in America (continua)

   

 

                           

 

Incubatori come "acceleratori" d'impresa

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Acceleratori di affari" è un termine divenuto popolare intorno all'anno 2000, sinonimo fantasioso di "incubatore d'impresa", nel tentativo di distinguere commerialmente alcuni programmi di incubazione "particolarmente efficaci" durante il boom del "dot-com", cioè l'esplosione di internet: pura aria fritta...

 

L'efficacia dei programmi di incubazione per le imprese di piccola scala non va tanto misurata sull'avvio di nuova imprenditorialità, quanto sulla capacità delle nuove aziende di sopravvivere e, soprattutto, crescere.

 

 

Di sicuro un programma di incubazione è serio e valido se riesce a far diminuire notevolmente la percentuale di fallimento di nuovi progetti imprenditoriali: studi internazionali mostrano come più della metà delle nuove imprese non sopravviva il suo quarto anno di operatività.

 

Le cause di questo fenomeno sono principalmente due:

 

- mancanza di esperienza manageriale,

- mancanza di capitale economico.

 

 

 

 

 

 

Un programma di incubazione è in effetti un ammortizzatore tra la nuova impresa ed il suo ambiente, con una missione di assistenza e supporto a lungo termine per quanto riguarda la crescita delle capacità dell'impresa di focalizzare e di affrontare fattori critici per la sua formazione, finanziamento, sopravvivenza e successo.

 

Il più del lavoro viene tradizionalmente fatto sul periodo "pre-natale" dell'impresa, ma i momenti più critici per una nuova piccola azienda sono la nascita e il primo periodo "post-natale": è ancora statisticamente provato come la maggior parte delle nuove imprese di piccola scala cada proprio ai primissimi passi nelle primissime fasi di vita.

 

 

Un vero incubatore d'impresa assiste nuovi progetti imprenditoriali non solo a realizzarsi, offrendo servizi di supporto, quale assistenza nello sviluppare e promuovere un business, nel redarre piani di sviluppo e marketing, ma anche creando competenze gestionali, ricercando e ottenendo capitale economico e umano, creando accesso a una gamma di servizi e consulenze specialistici.

 

Che poi un incubatore possa inoltre offrire - esclusivamente a nuove imprese - spazi flessibili, macchine da ufficio condivise, servizi amministrativi, è chiaro, ma normalmente due anni (massimo tre), per poi lasciarle rendersi indipendenti, anche economicamente, ed autonome, uscendo dal programma protetto.