Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vai al sito Cultura e società

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Internet, web, siti e blog

Cosa sono, a che servono, come funzionano e come ci cambiano la vita

Il materiale originale in questa pagina è © Luciano Russo: la Redazione ringrazia l'autore per averne autorizzato la riproduzione, la rielaborazione, l'adattamento e la pubblicazione nel portale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il computer e la rete informatica – Approfondimento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I dischi magnetici (continua)

L'evoluzione ed il futuro del disco magnetico

 

I dischi magnetici
La strutturazione del disco magnetico
Le caratteristiche del disco magnetico
L'evoluzione ed il futuro del disco magnetico
 

Pagina di origine

I dischi ottici

 

Luciano Russo – Una presentazione  

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

I dischi magnetici (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L'evoluzione ed il futuro del disco magnetico

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L'aumento esponenziale della capacità di immagazzinaggio dati e la diminuzione della velocità di accesso sono una priorità per i dischi rigidi al fine di rimanere competitivi: l'unico modo per abbreviare ulteriormente il tempo di accesso è aumentare la velocità di rotazione del disco e l'unico modo di aumentarne la capacità di immagazzinaggio è quello di aumentarne la densità per unità di superficie - si pensa di poter a breve aumentare la densità del 40% e il primo HDD di 3.5" (pollici) di diametro, con 5 piatti da 200 Gb ciascuno, può già immagazzinare 1 Tb di dati.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A sinistra la testina elettromagnetica di un disco rigido fortemente ingrandita e, a destra, una microtecnologia ormai ai limiti dell'immaginabile:  il lato frontale della testina di un disco rigido, le cui dimensioni reali sono 0,3 x 1 mm (tutto il volume della testina è 1 x 1,25 x 0,3 mm, cioè di cosiddette "nanodimensioni"), con la microscopica bobina in rame litografato del trasduttore di "scrittura" al centro ed ai lati alcuni dei collegamenti elettrici saldati a microinterfacce la cui superficie è una sottilissima sfoglia di oro puro.